Comportamenti contagiosi tra Beagle e Golden Retriever

Da quando Kim è venuta a vivere con noi si è un po’ “beagleizzata” e Ariel in minima parte “goldenizzata”. I cani che vivono insieme tendono ad assumere i comportamenti positivi e negativi l’uno dell’altro, nel mio caso si sono trasferiti solo i comportamenti indesiderati. Vi racconto.

zooplus.it

Quando Kim è entrata nella nostra famiglia era silenziosissima, non abbaiava mai; praticamente per diversi mesi non ho sentito la sua voce. La prima volta che l’ho sentita ha abbaiato ad un gatto per strada mentre stavamo passeggiando.

Ariel invece è il “guardiano” di casa, cioé abbaia e strepita ogni volta che passa un cane per strada o un camion della spazzatarura o il ragazzo del quartiere che gli sta antipatico o… qualsiasi cosa che le sia antipatica 😉

Dopo quasi un anno di convivenza tra Ariel e Kim, la golden ha preso i suoi stessi atteggiamenti e abbaia quasi di più… cioé spesso continua ad abbaiare al cane o al furgone di turno anche se Ariel ha già smesso. L’abbaiare di Kim da fastidio ad Ariel che le abbaia accanto e spesso la beagle abbaia contro Kim probabilmente in preda all’euforia. Questo è uno dei comportamenti negativi che Ariel ha trasferito a Kim.

Kim ha trasfertito ad Ariel il suo unico difetto: l’odio verso i gatti. Prima che arrivasse Kim, Ariel non dava molta importanza ai gatti soprattutto se immobili (è capitato solo una volta che ha inseguito un gatto perché correva); da quando c’è la golden invece ogni volta che incontriamo uno dei numerosi gatti che girano per le strade del quartiere, Ariel si lancia su tutti i gatti che punta Kim senza lasciarne uno.

Da questa esperienza ho tratto un insegnamento importante: mai prendere un secondo cane se il primo ha già tanti problemi, alla lunga lo rovina soprattutto se viene adottato da cucciolo.

Considerazione finale: ma Ariel non poteva assimilare qualche pregio di Kim??? Quando si dice la fortuna…

Lascia un commento