La prima (e probabilmente unica) medaglia in agility dog

Dopo un paio di mesi circa dalla prima gara abbiamo partecipato alla nostra seconda gara, a Villalago (AQ). È stata la prima volta che abbiamo portato Sara, che aveva meno di 4 mesi, in montagna!

zooplus.it

Abbiamo organizzato infatti un weekend cinofilo portando Sara con noi! Nonostante restassimo fuori solo una notte, la mia macchina (una monovolume) era stracolma: Ariel occupava tutto il portabagagli, passeggino lato passeggero e borse sparse qua e là… Nei sedili posteriori mia moglie con Sara nella navetta… Sembrava dovessimo partire per un mese!

Arrivati la mattina sul campo di gara abbiamo incontrato il resto della squadra con trasportini, tende, sedie… Insomma massima organizzazione! Finalmente si inizia e, dopo i saluti e le indicazioni del giudice Giancarlo De Martini, iniziamo con un giro “open” per far scaldare e ambientare i cani al campo di gara. Il giro di prova è stato molto apprezzato da tutti ed è servito anche ai conduttori per allentare la tensione.

Io ero un po’ preoccupato perché il campo di gara era delimitato solo da un nastro rosso ma i cani potevano uscire liberamente e, dati i precedenti di Ariel nella prima gara, temevo si lanciasse contro qualche cane a bordo campo o corresse dietro qualche pista odorosa e non la riportassi a casa. Invece ad oggi è ancora con noi, la fortuna aiuta gli audaci! 🙂

Finalmente iniziamo col vivo della gara e, grazie alle battute della mia coach Roberta, subito vengo soprannominato Fabio STAI CALMO Marcone, nomignolo usato per tutto il weekend dagli organizzatori per chiamarmi in pre-ring!!! Io ero calmissimo, erano gli altri agitati per me… Comunque a parte questa nota di colore, Ariel ha preso la medaglia d’oro in agility ma l’eliminazione in jumping. La medaglia d’oro MERITATISSIMA, è stata ottenuta anche grazie ai pochi concorrenti che gareggiavano nella stessa categoria di Ariel (debuttanti medi) 🙂 Purtroppo il jumping non è andato bene, non ricordo se per un errore o pipì di Ariel o per aver superato il tempo massimo, altrimenti potevamo prendere qualche medaglia anche in combinata. Purtroppo nessuna firma perché Ariel qualche rifiuto l’ha fatto non prendendo qualche ostacolo come avrebbe dovuto.

Ariel con la medaglia ed io
Ariel con la medaglia ed io

Dopo la gara, tutti in hotel e poi a cena in una pizzeria di Scanno, allegramente in  compagnia e con Sara che dormiva nel carrozzino accanto al tavolo.

Il giorno dopo, dopo aver fatto un’abbondante colazione e lasciato l’hotel, siamo tornati sul campo per l’ultima giornata di gara. Il secondo giorno è andato malissimo, forse perché Ariel era stanca o non so che aveva ma siamo stati eliminati sia in jumping che in agility. Non mi ricordo i dettagli perché il mio cervello, per meccanismo di protezione naturale, li ha rimossi per quanto ero inca***to. L’unica cosa che ricordo è che Ariel si è fermata sulla passerella a grattarsi durante la prova di agility…

In definitiva è stato un bellissimo weekend, ricco di nuove esperienze, che mi ha fatto conoscere meglio il mondo dell’agility e delle gare, sempre con mia moglie è mia figlia al mio fianco, e mi ha convinto che era inutile fare viaggi e trasferte per fare gare con Ariel, finché non fosse migliorata la concentrazione verso di me.

La famiglia a bordo campo
La famiglia a bordo campo

Lascia un commento